Ministero dello Sviluppo Economico
Fondo di Garanzia. L'intervento pubblico di garanzia sul credito alle PMI italiane
Informazioni sul gestore del Fondo di Garanzia
 

 

 
 
 

 

 

News

18/03/2013
Le Sezioni Speciali per l'internazionalizzazione prossimamente operative

Saranno prossimamente attivate le Sezioni Speciali per l'internazionalizzazione delle PMI, finanziate dalle Camere di Commercio. La circolare di MCC n. 640 del 18 marzo ne anticipa, a fini esclusivamente informativi, le modalità operative rimandando ad una prossima circolare la comunicazione dell'inizio dell'operatività.

Le Sezioni Speciali riguarderanno gli interventi di Cogaranzia e di Controgaranzia a prima richiesta del Fondo di garanzia, a favore delle PMI con sede operativa e/o legale localizzata nei territori di competenza delle Camere di Commercio che hanno già aderito al Protocollo e sottoscritto le relative Convenzioni: Bari, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Firenze (limitatamente alla sola Controgaranzia), Genova, Lecco, Mantova, Milano, Modena, Monza-Brianza, Napoli, Palermo, Pavia, Salerno, Trieste, Udine e Varese. Il numero delle Sezioni Speciali potrà essere integrato con l'adesione di ulteriori Camere di Commercio. Le risorse delle Camere di Commercio saranno utilizzate per compartecipare alla copertura del rischio sulle operazioni ammissibili

Sono ammissibili alle Sezioni Speciali le operazioni finanziarie di durata compresa tra 18 e 60 mesi, finalizzate alla copertura di spese correnti e di spese destinate a iniziative per l'internazionalizzazione delle imprese.

Le percentuali massime di copertura del Fondo previste dalle Disposizioni Operative in vigore non subiscono variazioni, ma sono stabilite modalità semplificate di accesso tramite l'adeguamento dei modelli di valutazione economico-finanziaria prevedendo due casistiche specifiche in base al grado di internazionalizzazione delle imprese beneficiarie: la prima riguarda le operazioni a favore di imprese che presentano un'incidenza dell'export sul fatturato, relativo all'ultimo bilancio approvato, pari ad almeno il 30%; la seconda le operazioni a favore di imprese che registrano una quota dell'export sul fatturato, relativo all'ultimo bilancio approvato, inferiore al 30%, o che non hanno ancora iniziato ad operare sui mercati internazionali, e non utilmente valutabili sulla base degli ultimi due bilanci approvati.

Circolare 640 del 18/03/2013